14mila euro di multa per "discriminazione"

VIDEO / Leghista condannata per un post su Facebook. In Italia è vietato dire "clandestini"

La militante di Orzinuovi Federica Epis ha ricevuto la comunicazione di pignoramento sullo stipendio. La sua colpa? Aver chiamato "clandestini" un gruppo di richiedenti asilo

Chissà come farà il povero Manu Chao, che per parlare di immigrazione ha intitolato il suo primo album musicale da solista "Clandestino". Forse dovrà ritirarlo dal mercato. O forse no, essendo un kompagno. Non è andata così bene, invece ad una militante leghista bresciana che l'altro giorno ha ricevuto la comunicazione di pignoramento sullo stipendio per 14mila euro. "Ma io sono una
semplice impiegata", reagisce Federica Epis, segretaria della Lega Nord a Orzinuovi, nel Bresciano, condannata nei mesi scorsi al pagamento di seimila euro, duemila per ognuna delle tre associazioni che si occupano di accoglienza migranti e che hanno proceduto contro di lei in Tribunale.


Attraverso un post su Facebook Epis le aveva aveva così definite: "Le cooperative che con la faccetta misericordiosa di chi fa beneficenza stanno invece lucrando sul traffico di clandestini". Secondo il giudice del Tribunale di Brescia, "il post è denigratorio ed offensivo laddove indica che i richiedenti asilo siano clandestini, atteso che i richiedenti asilo vengono degradati al rango di chi viola il Testo Unico sull'immigrazione" (ma forse a chi affronta una pericolosa traversata in mare, a rischio della pelle ed in balia di scafisti senza scrupoli, non è che poi importi molto come verrà etichettato).


Sia come sia, davanti al mancato pagamento di seimila euro (in attesa dell'udienza sulla richiesta di sospensiva del 15 settembre) a Federica Epis è arrivata, in tempo di ferie quando son tutti in vacanza, la comunicazione del pignoramento di parte dello stipendio fino al raggiungimento di 14 mila euro. "Mi sembra davvero impossibile che in un Paese democratico vengano sanzionate in questo modo le parole, non mi sembra di aver fatto nulla di male, per questo da semplice cittadina, trovarmi a dover risarcire persone già ricche e potenti, è qualcosa che ha dell'assurdo", ha commentato la militante leghista. Per un "reato" che, a ben vedere e con quello che succede oggi, ha del ridicolo...

Redazione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU