VIDEO / "Non c'è lavoro, quindi..."

I clandestini di Macerata: "Per vivere siamo costretti a spacciare e delinquere"

Uno di loro, intervistato da 'Mattino Cinque', racconta: "Sono un centinaio a spacciare, io no ma per noi è difficile non farlo perché ci serve per vivere"

Sono molti gli immigrati che spacciano a Macerata, ad ammetterlo in un'intervista rilasciata martedì a Mattino Cinque è uno di loro, che davanti al microfono spiega: "Sono un centinaio a spacciare, per noi è difficile non farlo perché ci serve per vivere". Secondo l'immigrato, non c'è lavoro nella cittadina marchigiana e quindi l'unica alternativa è quella di dedicarsi allo spaccio di droga e alla delinquenza. Lui dice di non farlo, ma giustifica chi lo fa perché, a suo dire, questo è l'unico modo per sopravvivere.

L'immigrato, in un italiano stentato dichiara all'inviato della trasmissione: "Io ho due figli nel mio Paese, sono venuto qui per aiutare la mia famiglia ma non spaccio, mi tocca però chiedere l'elemosina per mangiare ai margini della strada. Non è bello. So che spacciare è sbagliato però molti lo fanno. A noi non ci resta altro", afferma l'africano spaventato per ciò che è successo nei giorni scorsi in città, tra l'omicidio di Pamela Mastropietro e i colpi esplosi da Luca Traini contro alcuni extracomunitari.

Redazione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU