VIDEO / Tre arresti a Torino, almeno 7 colpi

"C'è un pacco per lei": così scattava la truffa dei nomadi all'anziano, disabile

Con la scusa della finta postina gli zingari che annotavano con precisione le abitudini delle loro vittime, rapinavano la pensione o soldi appena prelevati

Una finta postina fermava gli anziani nell'androne di casa e, con la scusa di un pacco da ritirare, strappava la borsa con la pensione o i soldi appena prelevati. Sono le truffe messe a segno da una banda a Torino, sgominata dai Carabinieri del comando provinciale. Tre le ordinanze di custodia cautelare in carcere eseguite venerdì mattina nei confronti di altrettanti zingari di etnia sinti, accusati di essere responsabili lo scorso autunno di almeno sette truffe. Il gruppo si appostava vicino a banche e uffici postali, dove agganciava le vittime, sempre persone anziane, una delle quali costretta all'uso di una stampella, e le seguiva fino a casa. Prima di passare all'azione annotavano tutto sulle abitudini delle vittime: indirizzi, nomi e persino l'handicap. Pedinavano le vittime per giorni e, su un quaderno, il 'libro Mastro dei truffatori', appuntavano indirizzo, abitudini e anche handicap delle loro prede.

La banda di truffatori seriali, sgominata dai Carabinieri di Moncalieri, agiva in modo quasi scientifico. "Si tratta di veri e propri criminali, che agivano in maniera organizzata, approfittando della fragilità dei loro obiettivi" ha spiegato il comandante provinciale dei Carabinieri di Torino, colonnello Emanuele De Santis. I malviventi, ha detto, "studiavano le vittime in maniera quasi maniacale, per andare sul sicuro ed evitare ostacoli o problemi". In manette sono finiti Rosa Bianchi, 49 anni, la 'finta postina', Paolo Dellagaren, 24 anni e Vittorio Bresciani, 56 anni, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza. Il magistrato Onelio Dodero, che ha coordinato le indagini, ha disposto perquisizioni a casa di alcuni parenti e amici degli arrestati, tra i quali un italiano che in casa nascondeva una pistola e diverse parrucche.

Redazione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU