Emergenza invasione

VIDEO / Como, risse nel ghetto dei clandestini. Che bivaccano per le strade

I residenti denunciano una situazione insostenibile, con urla e litigi giorno e notte. Intanto nella zona molti immigrati si accampano dove capita

Il campo di accoglienza allestito a Como in Via Regina, con i container che il ministro Alfano ha ammesso essere costati ben 323mila euro, si sta confermando un incubo per i residenti della zona, che ogni notte vengono tenuti svegli da urla provenienti dal cosiddetto "ghetto" ubicato proprio sotto le loro finestre, nel quale si susseguono senza sosta episodi di litigi e tensione tra gli ospiti. Polizia, carabinieri, polizia locale e mezzi di soccorso sono sempre impegnati a presidiare la zona per evitare che la situazione possa degenerare.

Nella notte tra domenica 2 e lunedì 3 ottobre, verso mezzanotte l'ennesimo tafferuglio. Quando accade viene puntualmente denunciato dalla Lega: "Quel centro va chiuso immediatamente" ha affermato il segretario cittadino del Carroccio, Alessandra Locatelli. "Siamo davanti all'esempio del fallimento della politica sull'immigrazione, con i cittadini che devono convivere con situazioni fuori da ogni legalità. Noi abbiamo già presentato un esposto e continueremo a chiedere lo stop immediato della struttura. Tutto normale per Alfano, per il Sindaco e per il prefetto, e anche per la Comi e i suoi amici! Intanto i residenti non vivono più serenamente. Questa è una vergogna!"

Nel frattempo, nella zona della stazione San Giovanni sono tornati i bivacchi: decine di clandestini, che non sono stati ammessi all'interno della struttura, si sono accampati fuori dal cimitero monumentale e nei dintorni del campo. Anche i volontari che avevano prestato servizio alla mensa, ottenendo il permesso di entrare nel centro all'ora di cena, denunciano alcune situazioni riscontrate all'interno: pare che il cibo che viene fornito sia più di quello effettivamente necessario, con il risultato che molto di questo avanza e viene gettato via.

Redazione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU