VIDEO / Guerra a Duisburg tra turchi, libanesi e curdi

Orrore in Germania: 80 immigrati si affrontano per strada a colpi di machete

Le città tedesche sono nelle mani di bande di stranieri che rubano, stuprano, spacciano droga e se le danno di santa ragione per il controllo del territorio

Orrore per le strade di Duisburg, centro di 500mila abitanti a Ovest della Germania, al confine con l'Olanda. Nella notte tra lunedì e martedì della scorsa settimana, la Polizia è stata chiamata nella zona di Altmarkt della città per una rissa, ma si è trovata davanti una scena impressionante, da vera e propria guerriglia urbana: almeno 80 immigrati si stavano affrontando per strada. Bande rivali di curdi, turchi e libanesi avevano scatenato una battaglia per avere l'esclusiva sul controllo delle azioni criminali e dello spaccio di droga all'interno del quartiere.

Lo scontro, che ha lasciato sul campo molti feriti anche gravi, e solo per miracolo nessuna vittima, si è combattuto a colpi di machete e di sbarre metalliche. I poliziotti, dopo aver chiamato rinforzi, hanno dichiarato lo stato di emergenza e sono intervenuti con manganelli telescopici, rimanendo a loro volta colpiti da lanci di oggetti e sputi. A quel punto hanno fatto intervenire i reparti antisommossa, che hanno cercato di disperdere gli immigrati con l'utilizzo dei lacrimogeni. Gli scontri sono proseguiti per diverse ore, prima che tornasse la calma.

Gli agenti hanno arrestato almeno 50 persone, e i residenti hanno documentato l'accaduto con video e foto scioccanti postate sui social. Gli arrestati si sono rifiutati di spiegare cosa abbia scatenato la lotta, anche se la Germania è ormai nelle mani di queste bande di immigrati che rubano, stuprano, spacciano droga e se le danno di santa ragione per il controllo del territorio. 30 degli arrestati sono stati successivamente rilasciati. Un funzionario della polizia ha spiegato: "Si sono affrontati tre gruppi rivali, è in corso una guerra tra turchi, libanesi e curdi".

L'agente, intervistato dal quotidiano locale Die Westen, si è lamentato del fatto che nonostante le dimensioni e la violenza dello scontro, per paura nessuno voglia parlare con la Polizia. Ha inoltre spiegato che ognuna delle tre bande, al momento del combattimento era composta da un numero variabile tra le 20 e le 30 persone, e che la maggior parte degli arrestati proveniva dalla comunità libanese. Il portavoce della polizia ha riferito che incidenti simili si erano verificati anche la notte precedente e la settimana prima, e che ormai sono diventati la normalità.







Redazione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU