Le contestazioni? "Chiusura mentale"

VIDEO / A Potenza, Madonna in burqa e San Giuseppe musulmano nel presepe

Il parroco, don Franco Corbo, difende la scelta affermando che "la Santa Famiglia in costume arabo vuole esprimere un'apertura mentale e culturale"

La Vergine Maria rappresentata da una donna che si copre il volto, come fanno quelli islamiche con il burqa; invece di San Giuseppe, un musulmano con copricapo arabo e baffoni e, dulcis in fundo, la grotta di Betlemme sostituita da una tenda beduina con la scritta "Costruiamo ponti, non muri", il tutto ovviamente condito dai colori dalla bandiera arcobaleno simbolo dei cosiddetti "pacifisti": è questo il presepe, se lo si può ancora chiamare così, allestito nella Chiesa di Sant'Anna a Potenza da un parroco che sembra essere un po' confuso, oppure più attento a propagandare la religione musulmana che non a difendere i principi del cristianesimo.

Il parroco, don Franco Corbo, intervistato dall'Ansa dice che "la Santa Famiglia in costume arabo vuole esprimere un'apertura mentale e culturale". Il religioso bolla le numerose contestazioni che ha ricevuto come "Chiusura mentale, chiusura culturale, integralismo" difendendo la propria scelta come "messaggio di pace e di apertura".

Redazione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU