"una donna con le palle in un mondo di uomini"

Minacce alla Ceccardi, arriva la solidarietà di cittadini, stampa e Questore

La stampa locale: "L'hanno prima contrastata, dileggiata, combattuta, accusata, poi, non riuscendo a scalfire la sua onestà intellettuale, l'hanno minacciata"

"Una donna con le palle in un mondo di uomini". Così titola oggi la Gazzetta di Lucca, dopo che il sindaco leghista di Cascina ha ricevuto una lettera minatoria contenente un proiettile e degli insulti: "Ripuliremo Cascina dalle merde come te". Aldo Grandi, l'intervistatore, dice di lei: "Chi scrive volle incontrarla quando, ancora, non era divenuta uno dei sindaci più conosciuti e apprezzati di questo sfasciato Stivale. Era stata l'unica a trovare il coraggio di sfidare, sul loro terreno, i depositari e sostenitori del Pensiero Unico dominante, i rappresentanti del PD partito della rovina d'Italia e, soprattutto, a batterli. Giovane, determinata, grintosa, senza paura, una donna con le palle si direbbe a certe latitudini, in un mondo dove, spesso, le palle non le hanno nemmeno gli uomini naturalmente predisposti al loro possesso".

"L'hanno prima contrastata, dileggiata, combattuta, accusata, poi, non riuscendo a scalfire la sua onestà intellettuale e il suo richiamo tra i suoi cittadini, allora hanno preso a minacciarla e lei, nemmeno si trattasse di un novello Gesù Cristo in gonnella, ha saputo e voluto perdonare colui che l'aveva infamata-infangata. Un uomo guarda caso, vigliacco quant'altri mai, ma nessuna, tra le esponenti del gentil sesso sempre pronte a scendere in piazza per la più minima delle stronzate e per difendere la più piccola e inesistente delle minoranze, che abbia manifestato per difendere lei, più unica che rara, lei sì, davvero, minoranza di giganti in una realtà di pigmei, ma, si sa, oggi per essere eroi basta saper essere normali. Alla fine, l'altro giorno, il gesto più schifoso che un essere umano possa compiere: una lettera anonima con dentro un proiettile e l'accusa di essere razzista", scrive ancora Grandi.

Segue poi una lunga intervista, nella quale il sindaco dichiara senza mezzi termini: "Una minaccia di qualche vigliacco che, forse, così facendo pensa di intimorirmi. Evidentemente, però, non mi conosce".


Redazione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU