in mezzo a una strada: Il comune li manda insieme ai terroristi

Giovanna e Valentino:"Vogliamo i nostri diritti di italiani"

Giovanna ha 73 anni e si è ammalata in uno stabile abusivo indicato come "rifugio temporaneo" dalla segreteria di Pierfrancesco Majorino. L'alternativa era di mandare madre e figlio in dormitori separati.

Vogliono rivendicare i loro diritti come italiani. Giovanna ha 73 anni, è una giornalista scientifica con tanto di laurea in legge, suo figlio Valentino di 31 si è laureato e attualmente lavora part-time in una libreria. Una vita che è passata dalle stelle alle stalle dove la sfortuna ha fatto la sua parte insieme a qualche scelta avventata. Dopo una serie di vicissitudini, oggi, si ritrovano in mezzo a una strada, per uno sfratto dovuto a un contenzioso con la proprietà. Ma loro hanno sempre pagato. Tutto è documentato. Per un anno hanno vissuto in macchina, dopo aver speso quasi 30.000 in alberghi, in attesa dell'assegnazione di una casa. Nulla da fare. Nessuna garanzia. Il comune di Milano propone loro il dormitorio, poi la soluzione di andare a vivere in uno stabile occupato a Sesto San Giovanni. Scoprono di aver vissuto per mesi nella camera del terrorista fermato e ucciso a Sesto San Giovanni. Abitava in quello stabile abusivo.

Le immagini che vi mostriamo in questo video sono state provocate da cimici rosse, cimici tropicali, che mamma Giovanna di 73 anni e suo figlio Valentino di 31 hanno trovato in uno stabile abusivo di Sesto San Giovanni indicato come "tetto temporaneo" dalla segreteria dell'Assessore Pierfrancesco Majorino. Oggi Giovanna ha una patologia che le porta diversi scompensi cardiaci e non solo. La prossima settimana sarà visitata da un infettivologo. Raccontano increduli la situazione in cui si sono ritrovati, e ora che si rivolgono al comune di Milano trovano un muro:"nessuna risposta come a dire crepa!" dice Valentino.

"Sono stati calpestati i nostri diritti". Giovanna, con grande dignità, rivendica il suo essere professionista, piange, mai si sarebbe aspettata di cadere così in basso. Lei che con il suo lavoro in campo medico ha sempre fatto una gran vita, che non ha mai fatto mancare nulla a suo figlio, e che per una serie di sfortune e di scelte a volte affrettate si è ritrovata a percepire una pensione di soli 500 euro. Hanno sempre pagato tutto, fino all'ultimo centesimo, e ora, in questo momento di difficoltà chiedono una mano, ma il comune di Milano non sente ragioni.

Ora vivono a casa di un amico di Valentino fuori Milano, che gentilmente li ospita. Ma il tempo sta per scadere, mancano 15 giorni poi dovranno andarsene. Chi li aiuta?

Sonia Bedeschi


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU