Germania, terrore sul treno

ESCLUSIVO / "Vi farò a pezzi con questa lama e vi sgozzerò con un'ascia" (sottotitoli in italiano)

I propositi, poi messi in atto, del 17enne Muhammad Riyad, in un video-choc diffuso dall'Isis. E una profezia: "Il Califfato ora è più forte e colpirà i vostri parlamenti"

In un video-choc, diffuso da Amaq, l'agenzia vicina all'Isis, l'attentatore che ieri sera in Baviera ha attaccato cinque persone armato di ascia e coltello (ferendone due in modo grave), spiega con parole piene di odio i suoi propositi, poi purtroppo messi in atto.

"Sono un soldato del Califfato - esordisce il 17enne Muhammad Riyad, ucciso da un'unità speciale della Polizia tedesca prima che potesse proseguire il suo massacro - Voglio compiere un martirio in Germania". Le parole del giovanissimo terrorista, che parla in pashtu, sono sottotitolate in lingua araba, e sono state successivamente diffuse anche in un video sottotitolato in inglese, ripreso dalle agenzie di stampa e su cui è basata la traduzione in italiano del "Populista", che vi proponiamo qui in esclusiva.

Riyad prosegue, sempre brandendo un coltello durante tutto il video: "Il Califfato islamico si è stabilito in Iraq, Siria, Khorasan, Libia e Yemen. Con il volere di Allah, i soldati del Califfato vi raggiungeranno e vi massacreranno nelle vostre case. Prenderanno possesso delle vostre case e delle vostre basi e costruiranno nuove basi nei vostri Paesi".

La profezia di minaccia verso l'Occidente è netta: "Vi colpiranno in ogni villaggio, ogni città e ogni aeroporto. Sappiate che il Califfato ora è più forte e prenderà di mira i vostri parlamenti". Il soldato islamico si fa beffa degli europei: "Ho vissuto da voi, ho complottato contro di voi a casa vostra! Vi macellerò nelle vostre case e strade". "Ad Allah piacendo, vi combatterò finché avrò sangue in vena. Vi farò a pezzi con questa lama e vi sgozzerò con un'ascia". Come poi ha purtroppo fatto mettendo in atto il suo progetto di vendetta contro "gli infedeli".

La parte finale del messaggio (non tradotta nel video di questo articolo) si rivolge direttamente alla nazione islamica: "Fino a quando durerà questo vostro profondo letargo? Svegliatevi dal sonno, il Califfato Islamico è nato. Sottomettetevi al Califfo dei musulmani, Abu Bakr al Baghdadi. Migrate a Khorasan e verso le altre province dello Stato islamico", afferma, prima di suggerire un'alternativa a potenziali lupi solitari: "Se proprio non riuscite a migrare in Siria, allora uccidete gli eserciti apostati nei vostri Paesi".

Nella camera dove abitava il giovane afghano è stata trovata una bandiera "artigianale" dello Stato islamico - come riferito dalla Polizia bavarese - oltre ad una "lettera d'addio" che ha confermato come il giovane rifugiato abbia agito per "motivi religiosi". Nella lettera, in lingua pashtu, l'autore ha scritto: "Ora io prego per vendicarmi di questi malfattori e andare in paradiso". Erik Ohlenschlager, il procuratore tedesco che conduce le indagini, tuttavia, ha detto di non essere in grado di confermare se il giovane del filmato sia l'aggressore, parlando di "verifiche in corso".

Redazione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU