Sostituzione etnica

Video choc dal Belgistan: "Gli occidentali si preparino a un'ondata di sharia"

Da Bruxelles, città a maggioranza islamica, il leader integralista poi condannato a 12 anni di carcere dichiarava nel novembre dello scorso anno: "La vittoria di Allah è molto vicina. La democrazia è l'opposto dell'islam"

Il Belgio ormai potrebbe tranquillamente essere ribattezzato Belgistan: anni di politiche buoniste e di accoglienza indiscriminata hanno ormai trasformato il paese, in particolare la capitale Bruxelles, in una specie di califfato, dove si fatica a scorgere la presenza di un occidentale e vige la sharia, la legge islamica, imposta con la forza e con la violenza da quella che ormai è l'assoluta maggioranza in alcuni quartieri della città. La sostituzione etnica, qui, è in corso da tempo e i fedeli di Allah sono già la comunità religiosa più numerosa. I musulmani rappresentano un quarto dei residenti e i demografi calcolano che nel giro di vent'anni diventeranno la maggioranza assoluta. Il più acceso tra i gruppi musulmani del Paese è Sharia4Belgium (la sharia per il Belgio), riconosciuto dalla corte d'appello di Anversa come gruppo terroristico, che ha minacciato in tv alcuni islamici moderati che si erano prestati a un dibattito: "Gli occidentali si preparino a un'ondata di sharia e islam", aveva avvisato il leader Fouad Belkacem alias Abu Imran, ai microfoni di Cbn News, prima di venire condannato a 12 anni di carcere.

Così rispondeva nel novembre dello scorso anno il leader integralista al giornalista: "Noi crediamo che la sharia avrà il dominio e verrà adottata in tutto il mondo, dobbiamo essere chiari. Non c'è alcuna differenza - chiariva Abu Imran - tra l'islam e la sharia, è solo una questione di nome. La democrazia è l'opposto della sharia e dell'islam. Noi crediamo che il legislatore è Allah. Allah fa leggi ed è lui che ci dice cosa è permesso e cosa è proibito". Per il leader di Sharia4Belgium era "bizzarro" sentire qualcuno che dicesse: "Ho parlato con un musulmano democratico" e spiegava: "È come dire di aver parlato con un cristiano ebreo o con un ebreo musulmano. Come puoi incontrare un ebreo musulmano o un musulmano ebreo? Un musulmano che dice di essere contro la sharia non è musulmano. Questa non è una cosa possibile".

Forti della propria presenza numerica, i musulmani che hanno sostituito la popolazione autoctona belga continuano ad imporre con violenza le loro usanze: assalti a ragazze in bikini, simboli cristiani ed ebraici colpiti da atti vandalici e nei quartieri a maggioranza musulmana l'unica legge in vigore è la sharia. L'idea di Fouad Belkacem e dei seguaci di Sharia4Belgium è fare lo stesso in tutto il Belgio rimpiazzando le leggi ufficialmente ancora in vigore con la sharia, incluse le amputazioni per i ladri, la lapidazione delle donne per adulterio e la condanna a morte per gli omosessuali.

Da almeno quattro anni, a Bruxelles il nome più comune dato ai bambini che nascono è Mohammed: non ci vuole certo Belkacem per capire che si tratta solo una questione di tempo prima che i musulmani abbiano la maggioranza in tutto il paese; nella città di Anthworp già ora più del 40% dei bambini nelle scuole sono musulmani. "Quindi - si vantava lo scorso anno Fouad Belkacem - è solo una questione di tempo. Non c'è problema. Non avremo alcun problema". Il consiglio che si sentiva di dare ai belgi che ancora resistevano era il seguente: "Se vogliono fermarci e ricacciarci indietro, potrebbero iniziare ad avere quattro mogli e avere un sacco di bambini. Se fanno una cosa del genere, forse avrebbero una possibilità. Ma non credo che accadrà". Da qui l'agghiacciante conclusione: "La vittoria di Allah è molto vicina. Quindi penso che gli occidentali si debbano preparare a un'ondata di sharia e di islam".

Redazione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU