"Gli avversari sono Renzi e Grillo"

VIDEO / Salvini: "Vinciamo nei Comuni e torniamo al voto. Battaglia da Nord a Sud"

"La moneta tedesca ha fatto danni, come l'immigrazione e la legge Fornero". Il 25 a Verona, alla manifestazione per la legittima difesa, il giudice Mascolo

"Se vinciamo a Genova, Verona e Padova il governo va a casa, toglie il disturbo, e si torna a votare. L'11 giugno è un appuntamento doppiamente importante". Matteo Salvini reputa fondamentale il voto amministrativo per far cadere il governo e tornare alle urne: lo ha ribadito venerdì in occasione di un punto stampa organizzato in Piazza della Scala a Milano. Il leader leghista ha smentito le voci di tensioni con Giorgia Meloni: "Andiamo d'amore e d'accordo" ha detto, negando di essersi sentito recentemente con l'ex premier Silvio Berlusconi perché "aveva questo affare delicato da chiudere", riferendosi al closing del Milan. Salvini ha assicurato però che "adesso torneremo a parlare di come vincere a Genova, Verona, Padova, Como, Alessandria, Piacenza e a Parma".

Il leader leghista ha fatto sapere di essere contento che ci siano altri candidati alla segreteria: "I congressi son belli se sono aperti. Non vedo l'ora di avere il consenso dei militanti per andare a vincere e cambiare il Paese". Si è detto "strafelice" di quello che riuscito a fare "per la Lega e per gli italiani". Salvini è dunque "straconvinto che l'Italia debba continuare a controllare moneta, confini, banche e territorio per riprendersi da Bruxelles quello che qualcuno ha svenduto a Bruxelles e per articolare il concetto di Italia bella perché diversa, come voleva Miglio, in nome delle autonomie e del federalismo".

Per Salvini la battaglia della Lega "è evidentemente da combattere da Nord a Sud", questo perché "la moneta tedesca ha fatto danni, così come l'immigrazione e la legge Fornero e quindi voglio dare voce alle energie positive di tutto il paese". Temi quindi da sviluppare in tutto il Paese per ridare fiducia agli italiani, mentre "lo statuto non cambia", perché "la gente che incontro per strada non è interessata agli statuti dei partiti ma vuole lavoro, sicurezza, meno tasse e un futuro per i propri figli" quindi "queste proposte andrò a fare nel nome dell'autonomia, del federalismo e della libertà di scelta per ciascuno" ha ribadito il numero uno leghista.

In merito ad eventuali alleanze, Salvini ha ripetuto quanto già dichiarato più volte. "Aspetto di capire i punti di programma che mi stanno più a cuore, se su questo c'è accordo andiamo a vincere come faceva il Milan". Il segretario della Lega non chiude pregiudizialmente la porta in faccia agli azzurri e si dice "contento" del fatto che il Cavaliere sia tornato alla guida del partito, ma sottolinea di essere in attesa di risposte chiare sui punti cardine del programma della Lega. Prima di fare ai giornalisti gli auguri di Pasqua, ha infine ribadito: "I miei avversari sono Renzi e Grillo".

In mattinata, il leader leghista intervenendo a Radio Padania aveva confermato che alla manifestazione del 25 aprile a Verona in favore della legittima difesa ci saranno, tra gli altri, l'avvocato Giulia Buongiorno e il giudice di Treviso Angelo Mascolo, che ha detto di volersi armare perché abbandonato dallo Stato. "Ci sarà l'avvocato Giulia Buongiorno - ha detto Salvini -, tra i migliori avvocati in Italia e che si occupa di reati contro le donne. Ci sarà anche il giudice di Treviso, Angelo Mascolo, non so se sarà la sua ultima apparizione da giudice".

Redazione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU