VIDEO / Dichiarazioni shock

Rom stuprò due 14enni, la madre: "Le italiane si concedono poi denunciano"

Testimonianza raccolta da una troupe di 'Matrix'. Salvini, che ha visitato lo stesso campo: "Io dico che in Italia serve una buona dose di tolleranza zero"

Due ragazzine quattordicenni, poco più che bambine, sequestrate e violentate in un boschetto da due dei tanti zingari che appestano la Capitale, residenti nel campo nomadi di Via Salone che pochi giorni fa è stato oggetto di un blitz a sorpresa da parte di Matteo Salvini. Si tratta di una delle più grandi enclave di anarchia ed illegalità di tutta Roma, cresciuto a dismisura grazie al complice disinteresse dell'amministrazione comunale a guida Partito Democratico prima, e di quella grillina poi. Auto ed elettrodomestici frutto di innumerevoli furti, roghi tossici, violenze e omertà: una troupe della trasmissione Matrix si è introdotta dentro questo inferno.

La madre di uno dei due responsabili dello stupro delle minorenni nega ogni responsabilità da parte del figlio: "Lui stava sempre in casa con me, insieme ai suoi fratelli. Se voleva scopare una donna dava 20 euro a una puttana". Non solo difende a spada tratta l'autore dell'ignobile gesto, ma accusa addirittura la giovane violentata di essersi inventata tutto e afferma che questo sarebbe un comportamento tipico delle donne italiane, concedersi e poi denunciare di essere state violentate: "Ha detto bugie quella ragazza. Se io ho voglia, arriva un uomo e mi scopa, andiamo a scopare, a fare l'amore e dopo tanti mesi, tanti anni denunciano. Queste sono le italiane".

Il video non è passato inosservato all'occhio attento di Matteo Salvini, che lo ha riproposto sulla propria pagina Facebook accompagnato dal seguente commento: "Il degrado. 'Prima ci vanno a letto e dopo qualche mese lo denunciano. Queste sono le italiane'. Queste le parole della madre di 'Alessio il Sinto', per lei non è uno stupratore...". Il candidato premier, come spesso fa, ha chiesto quindi agli utenti della rete di esprimere la loro opinione, senza trascurare di far conoscere la propria: "Lascio a voi i commenti. Io dico che in Italia serve una buona dose di tolleranza zero". Centinaia le risposte, tutte in linea col pensiero del segretario leghista.

Redazione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU