In Italia il film shock sui cristiani perseguitati dall'Islam. Che la Sinistra preferisce ignorare

i preti di mosul: "l'islam moderato non esiste"

Cristiani perseguitati (dall'Islam). Arriva il film che imbarazza la Chiesa e la Sinistra

I sacerdoti iracheni lanciano l'allarme (inascoltato in Vaticano). E persino i musulmani iracheni si convertono, pur di sfuggire al Califfato

L'Islam moderato non esiste. Questo è il succo di una pellicola che sta girando al di fuori dei canali tradizionali (altrimenti in tutta Europa i radical-chic della Sinistra evocherebbero roghi in stile Inquisizione spagnola, urlerebbero e si straccerebbero le vesti). A girare il documentario, dal titolo Guardiani della fede, Jaume Vives e Javier Carreras. Che dapprima scettici sul tragico destino dei cristiani in Medio Oriente, si sono dovuti infine arrendere alla triste realtà: le persecuzioni dei cristiani nel mondo islamico sono crescenti e volutamente ignorate dall'Occidente vigliacco e politicamente corretto.

"I cristiani perseguitati hanno smesso di fidarsi dell'Occidente e dei suoi politici, preferiscono affidarsi a Dio", confessa in un'intervista padre Behnam Benoca; gli fa eco un altro sacerdote di Mosul, padre Douglas Al-Bazi: "Ciò che subiamo non ha nulla a che vedere con il fondamentalismo islamico, ma con il vero Islam, che il mondo occidentale si ostina a non vedere o si illude sia moderato", dice.


Il film, che non passerà nelle sale cinematografiche ma che girerà in modo itinerante, su richiesta, in sale private o parrocchiali (prenotazioni dal sito www.guardianidellafede.com), sarà presentato in prima assoluta il 4 febbraio a Firenze, nella parrocchia di San Pietro a Quaracchi con due proiezioni, alle 16 e alle 18. E racconta anche di come migliaia di musulmani del Nord dell'Iraq, talmente disgustati dalla ferocia dell'Isis e dallo spauracchio di uno stato a guida coranica, per protesta si siano convertiti in massa al cristianesimo, a rischio della vita. Un duro monito per certa Chiesa nostrana buonista, che pare vivere con la testa tra le nuvole del paradiso e che sottovaluta, anzi favorisce, l'invasione islamica. 


Redazione


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU